Cos’è la Smart Maintenance

La Smart Maintenance nasce come concetto dell’industria 4.0 dove tutto diventa “SMART”, anche grazie all’IoT che, applicato ai CMMS, genera un nuovo concetto di manutenzione.

Industria 4.0

Ripercorrendo quello che è stato il percorso evolutivo dell’industria nell’ultimo secolo ricorderemo come tutto ebbe inizio con l’impiego del vapore che, permettendo l’avvio dei processi di meccanizzazione, modificò fortemente il modo di lavorare dei nostri avi. Si arrivò poi all’introduzione dell’energia elettrica ed alla catena di montaggio che inaugurò il sistema di  produzione di massa. L’avvento dell’era informatica segnò l’inizio dell’ Industria 3.0 caratterizzata dall’introduzione dei computer e dell’automazione attraverso l’utilizzo dei primi robot al posto dell’uomo sulle vecchie catene di montaggio.

 

Ed eccoci arrivati ai nostri giorni con l’Industry 4.0, un modello caratterizzato da processi di automazione avanzati, migliore comunicazione e monitoraggio, autodiagnosi ed autoapprendimento. Dalla combinazione di pratiche produttive tradizionali e nuove tecnologie come l’Internet of Things (IoT) e CMMS è possibile raggiungere livelli di analisi tali da far immaginare scenari futuri veramente stimolanti.

Non è certo la prima volta in cui informatica ed automazione si uniscono ma oggi lo fanno in modo innovativo rispetto al passato, con sistemi informatici che, avvalendosi di algoritmi di apprendimento automatico, imparano e controllano le macchine con sempre minor partecipazione da parte dell’uomo.

E’ proprio grazie alle nuove capacità delle macchine di analizzare e comunicare tra loro e con l’uomo che le fabbriche diventano sempre più automatiche e in grado di auto-monitorarsi. Per definire questi nuovi scenari è stato coniato il termine “fabbrica intelligente” con cui le aziende possono semplificare i processi produttivi e liberare risorse umane da destinare ad altre mansioni.

Smart Maintenance

Una manutenzione industriale non correttamente pianificata genera rotture impreviste degli impianti e conseguente tempo di inattività della produzione. Per ridurre i costi ed aumentare la produttività è necessario abbandonare la manutenzione reattiva ed orientarsi verso una manutenzione con iot (smart maintenance) che, monitorando le macchine in tempo reale, può  prevedere i guasti ancor prima che si verifichino. Questa nuova tecnologia, nota come smart maintenance, si basa sul monitoraggio di impianti e strutture per mezzo di sensori (Industrial Internet of Things) che trasmettono i dati raccolti (Big Data) ad un CMMS che si occupa della loro analisi. Ciò consente ai responsabili aziendali di identificare i potenziali malfunzionamenti ed intraprendere le azioni necessarie per prevenire o ridurre l’impatto sul proprio programma di produzione.

IoT e CMMS: impatto sulla manutenzione

L’impiego di software CMMS per gestire le attività di manutenzione e ridurre i costi esiste da molti anni. Oggi però, grazie al connubio IoT e CMMS, si può contare su maggiori funzionalità, più praticità e maggiore affidabilità.

I dati raccolti da sensori e dispositivi installati sui macchinari vengono inviati al CMMS per essere poi archiviati nel cloud. Il monitoraggio delle informazioni importanti viene facilitato permettendo ai tecnici della manutenzione la verifica in tempo reale delle condizioni delle risorse in ottica smart maintenance.

Dall’analisi dei dati scaturiscono le azioni necessarie, come ad esempio le richieste di lavoro basate sui livelli definiti nel CMMS. La generazione di queste richieste può essere automatizzata, garantendo che gli interventi avvengano solo quando sono necessari.

Al fine di migliorare affidabilità e produttività questo ciclo di feedback può avvenire in tempo reale.

Vuoi migliorare la manutenzione della tua azienda
Scopri il nostro software di gestione manutenzione Coswin 8i
Scopri il nostro Coswin 8i